News Audit

Le Grandi imprese e le Imprese energivore che sono state soggette all’obbligo di eseguire la diagnosi energetica ai sensi del D.lgs. 102/2014, durante la realizzazione della prima diagnosi, hanno temporaneamente potuto evitare di dotarsi di un sistema di monitoraggio dei consumi energetici.

Come però precisato nell’allegato 2 del D.lgs. 102/2014, che riporta i criteri minimi per gli audit energetici, l’adozione di un sistema di monitoraggio risulta obbligatoria per tutte le successive diagnosi energetiche.

Dalla seconda diagnosi energetica obbligatoria i bilanci energetici e le successive analisi andranno elaborate sulla base di dati monitorati.

Tutte le aziende che hanno svolto la diagnosi nell’anno 2015, dovranno quindi provvedere all’implementazione di un adeguato sistema di monitoraggio che dovrà essere operativo dal 01/01/2018 per essere certe di non incorrere in sanzioni.
Questo perché la seconda diagnosi energetica andrà realizzata entro il 5 dicembre 2019 e dovrà basarsi sui dati di consumo registrati dal sistema durante l’anno 2018.
Next Energia accompagna i propri clienti in tutto il percorso d’implementazione dei sistemi di monitoraggio, rispettando i vincoli normativi e seguendo le indicazioni delle “Linee guida per il Monitoraggio per le diagnosi energetiche” fornite dall’ENEA.
L’adozione di un sistema di monitoraggio consentirà, inoltre, d’intraprendere un’efficace percorso di efficientamento aziendale.

La tua azienda deve adempire all’obbligo?
Contattaci per ulteriori informazioni.

Next Energia è lieta di invitarvi al convegno sul tema

"Incentivi per l'efficientamento energetico:
opportunità e strumenti per la sostenibilità."

Venerdì 18 Novembre 2016 dalle ore 14.30 alle 18.00
Via Cadriano n°23, 40057 - Granarolo dell'Emilia BOLOGNA.

Il Programma:

Incentivi regionali a fondo perduto per le PMI, diagnosi energetiche, ISO 50001, strumenti di misura e software di analisi dei consumi.

Sistemi di gestione per una sostenibilità tangibile: ISO 50001 e sistemi di gestione correlati.

Vantaggi nell'implementazione dei sistemi di gestione dell'energia: dal monitoraggio dei consumi alla riduzione dei costi energetici.

Convegno ad Iscrizione gratuita in collaborazione con Gruppo KIWA.

Contattaci per ulteriori dettagli.

La Regione Lombardia e la Regione Piemonte sono le prime ad aver emesso i bandi destinati ad incentivare la realizzazione delle diagnosi energetiche, ai sensi del d.lgs. 102/2014, e l’adozione di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001 a favore di PMI, con unità locale nel territorio.
I bandi saranno emessi da tutte le regioni entro il mese di Ottobre 2016 nell'ambito del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del 12 maggio 2015.
I bandi che saranno emanati dalle varie regioni nei prossimi giorni presenteranno gli stessi vincoli indicati dalla Regione Lombardia e dalla Regione Piemonte che per prime hanno emanato i bandi.

La Regione Lombardia ha messo a disposizione una dotazione finanziaria di € 2.271.132, mentre la Regione Piemonte ha messo a disposizione una dotazione finanziaria di € 2.388.000.
Le risorse messe a disposizione sono cofinanziate per il 50% dalle Regioni e per il 50% dallo Stato.
I contributi sono finalizzati a coprire il 50% delle spese ammissibili per la realizzazione di diagnosi energetiche o per l'adozione del sistema di gestione ISO 50001 in ognuna delle sedi operative in cui svolge la propria attività la PMI.

Le spese ammissibili sono considerate fine all'importo di:
€ 10.000 al netto dell'iva per ciascuna diagnosi energetica;
€ 20.000 al netto dell'iva per la 50001 per ciascuna adozione del sistema di gestione ISO 50001.

Il contributo massimo non potrà superare:
5.000 per ogni diagnosi energetica;
€ 10.000 per ogni adozione del sistema di gestione ISO 50001
.

Il contributo sarà erogato successivamente alla realizzazione di un intervento previsto dalla diagnosi tra quelli con un tempo di ritorno inferiore ai 4 anni.

Contattaci per tua Diagnosi energetica e l'adozione del sistema di gestione ISO 50001

Fonte:Sito web ENEA

Incentivi per sostenere la realizzazione di Diagnosi Energetiche nelle PMI o l’adozione di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001.


In seguito alle norme di recepimento della Direttiva sull’efficienza energetica, il Ministero dello Sviluppo Economico, le Regioni e le Province autonome, hanno messo a disposizione delle PMI 30 milioni di Euro a copertura del 50% dei costi che sosterranno per la realizzazione delle diagnosi energetiche.

Le attività che possono beneficiare del contributo, devono essere regolarmente costituite da almeno due anni ed iscritte nel Registro delle imprese; se si tratta di imprese di servizi, devono essere costituite sotto forma di società.
I contributi saranno erogati a seguito della realizzazione da parte dell’impresa richiedente di almeno un intervento di efficientamento energetico, tra quelli suggeriti dalla diagnosi e aventi tempo di ritorno economico inferiore o uguale a 4 anni, o a seguito dell’ottenimento della conformità del sistema di gestione dell’energia alla norma ISO 50001.

Le Regioni e le Province autonome devono presentare entro il 15 Ottobre 2016 i programmi di sostegno al Ministero dello Sviluppo Economico; tali programmi possono essere stati avviati anche prima della data di pubblicazione dell'avviso, purché siano in corso di realizzazione. Il Ministero dello Sviluppo Economico, con il supporto di ENEA, entro il 15 Novembre 2016 valuterà i programmi e informerà il Ministero dell'Ambiente in relazione ai programmi approvati.
L’iniziativa sarà poi portata avanti annualmente con analoghe risorse fino al 2020.

Contattaci per rimanere aggiornato e avere maggiori informazioni.


Fonte: http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/per-i-media/notizie/2035026-diagnosi-energetiche-ne...